Google: l’indice mobile sarà quello primario. Le aziende rischiano il loro business se non hanno siti responsive

Se ne parlava già da un po’ ma adesso è solo questione di tempo: l’indice primario di Google sarà quello mobile da cui saranno eliminati i segnali di posizionamento desktop. A sua volta, l’indice desktop, da primario diventerà secondario.

Da tempo il numero di ricerche da dispositivo mobile ha superato quello del numero di ricerche da desktop. Se ne parla da settembre 2015 quando Google testò un esperimento.

Il cambiamento annunciato, invece, non sarà un esperimento: entro alcuni mesi – comunque entro il 2017 – avrà luogo.

Le aziende che non hanno un sito mobile sanno avvisate. Quello di Google ha il sapore di un ultimatum: provvedere al mobile e all’ottimizzazione SEO per il mobile.

Da non sottovalutare l’importanza che potranno assumere le pagine AMP in uno scenario come quello descritto.

Palese anche il tentativo da parte di Google di spingere il business via dispositivi mobile.

17 ottobre 2016 by