Google Intelligenza Artificiale: un motore di ricerca personalizzato per ogni singolo utente

Our goal is to build a personal Google for each and every user“. Lo ha ribadito il CEO di Google, Sundar Pichai.

Non è l’unica conferma: Google sta diventando una intelligenza artificiale in grado di fornire le risposte più pertinenti ad ogni query di ogni singolo utente.

Chiunque abbia assistito agli eventi SEO che sono organizzati da 4words by Sanmarco Informatica sa bene che da anni esplicito gli stessi identici concetti. Sulla base di cosa? Studiando l’evoluzione degli aggiornamenti più importanti del motore di ricerca.

Il prossimo step in Google, come già scritto, è l’indice primario che da desktop sarà mobile. Quello successivo, se lo stato della ricerca è avanzato come credo, potrebbe essere dal mobile all’Intelligenza Artificiale.

Ciò, ovviamente, implica alcune riflessioni sulla privacy e sui dati degli utenti. Fornire risposte sempre più precise potrebbe anche significare ricorrere ad una profilazione sempre più massiva dell’utente.

In questo scenario qualcuno, inoltre, potrebbe vedere la “fine del SEO” e, invece, non sarà così poiché i siti dovranno essere sempre più ottimizzati in ottica di sempre maggiore qualità. Nel web c’è un numero sempre crescente di siti web e di informazioni. Il SEO (e non “la SEO” – perché, nonostante l’analfabetismo funzionale e di ritorno sempre più diffusi, la lingua italiana ha ancora delle regole!) sarà sempre più utile: in particolar modo alle aziende che intendono sviluppare business online.

17 novembre 2016 by