Google: ecco Fred, l’aggiornamento contro siti costruiti solo per i links

Lo scorso 7-8 marzo 2017 è stato diffuso un aggiornamento di Google piuttosto importante. E’ stato chiamato “Fred” poiché gli statunitensi hanno l’abitudine di dare un nome a qualunque cosa.
Un aggiornamento talmente imponente che moltissimi siti web hanno perso fino al 90% del traffico in una sola notte.

Si tratta di siti web costruiti per essere solo contenitori di links. Questa l’unica dichiarazione su “Fred” da parte dei portavoce di Google.

Secondo alcuni rispettabilissimi SEO americani, però, ad essere colpiti sono anche i siti che mostrano molti annunci pubblicitari in pagine dai contenuti scadenti.

Le nuove linee guida per i valutatori della qualità nella ricerca di Google, diffuse solo lo scorso 14 marzo, sono piuttosto chiare: i valutatori segnaleranno i siti di fake news, i siti dai contenuti offensivi, denigratori e violenti (che attaccano minoranze per razza, religione, handicap). Questi siti segnalati nel tempo saranno rintracciabili solo su ricerca specifica e non compariranno in altre ricerche.

Google, dunque, non censura il web ma dà più spazio ai siti che mostrano contenuti di qualità.

Sembra esserci un nesso logico tra Fred e le nuove linee guida.

Fred comunque sembra più un aggiornamento di dati o un aumento del livello di controllo sui links. Diversi siti, infatti, hanno annunciato di aver recuperato posizionamento e, dunque, erano stati penalizzati prima durante un altro aggiornamento agli algoritmi di Google. Non tutti, infatti, sono confermati dai portavoce.

I contenuti, dunque, sono sempre uno dei must SEO da rispettare.

17 marzo 2017 by