Google: non fare redirect da un sito penalizzato al nuovo sito

John Mueller, portavoce di Google, ha spiegato su Google+ cosa fare quando un sito web viene penalizzato. La cosa più semplice da fare – se non si vuole attendere un aggiornamento dei dati (Penguin non viene aggiornato da un anno e mezzo) e non avere la certezza che la penalizzazione sia stata ritirata – è quella di progettare e realizzare un nuovo sito web.

Il sito penalizzato non dovrà essere reindirizzato al nuovo sito. Evitate, dunque, di fare dei redirect da un sito penalizzato ad un nuovo sito poiché potrebbe essere “trasferita” anche la penalizzazione.

Ovviamente non si deve creare un nuovo sito ogni penalizzazione. La prima attività da svolgere è verificare che tipo di penalizzazione ha colpito il sito e poi mettere in atto delle attività per recuperarla. In alcuni casi, come per esempio Penguin i cui dati non aggiornati da circa 1 anno e mezzo, le attività di recupero potrebbero già essere efficaci solo che non si sa ancora. Si saprà solo dopo l’aggiornamento di Penguin per cui più che realizzare un sito nuovo conviene aspettare ancora un po’.

Se il sito fosse stato penalizzato pesantemente, e i vostri consulenti ritengono che non ci sia altro da fare allora, si procederà con la progettazione di un nuovo sito.

Un argomento che sembrava ormai chiarito. Evidentemente ci sono SEO che non lo conoscevano.

23 maggio 2016 by